Mentre si trovava nella sua villa di Arcore intento ad appendere un quadro,
il Presidente Silvio Berlusconi si è dato inavvertitamente una martellata
su un ditone. Il gesto gli ha fatto sfuggire un'esternazione ai danni del
collega Dio. La cosa è subito trapelata fino a giungere alle orecchie del
Santo Padre che, indignato, si è prontamente dimesso dichiarando:
"Rivolgersi a Dio in questo modo (cioe' trattarlo da collega, ndr) e' una
mancanza di rispetto verso me e verso tutti i frateli e sorele.. non posso
far altro che tornare dai miei parrocchiani in Polonia".

Il forte e inaspettato gesto ha gettato lo scompiglio in tutto il mondo
giornalistico:

- Rete 4 ha subito lanciato un servizio in difesa del Cavaliere in cui
vengono commentati gli esiti di un sondaggio secondo il quale il 99 % degli
Italiani, se colpiti da una martellata sul pollice, hanno la stessa
reazione del Cavaliere (specificando inoltre che l'1% degli italiani che non
risponde come il cavaliere e' sordo-muto o e' uno di quei comunisti talmente atei
che non bestemmiano proprio per dimostrare la propria lontananza anche verso i
termini religiosi..)

- Bruno Vespa, con uno scoop a sorpresa riesce a far venire ospite di Porta
a Porta il titolare della Ditta che ha fabbricato il martello.

- Maurizio Costanzo risponde allo scoop intervistando con il titolare della
ferramenta che ha venduto il martello.

- Tuttosport titola a piena pagina: Berlusconi fa dimettere il Santo Padre.
Sacchi il successore???

- Rai 3 parte con una trasmissione dal titolo "Il Martello usi, tecniche ed
applicazioni".

Dure reazioni anche nel mondo politico:

- Bertinotti commenta: "La manovra di Berlusconi è chiara ... ha usato il
martello, notoriamente parte del nostro simbolo, per attaccare il Vaticano
e far ricadere però la colpa sui comunisti."

- Pronta la risposta di Forza Italia: "Non vi sono prove ne' del gesto ne'
tantomeno si configura qualsiasi ipotesi di reato"

- Walter Veltroni sottolinea che: "Con il suo gesto il Santo Padre ha
voluto marcare l'indipendenza della Chiesa dagli accadimenti negativi che possono
capitare nei lavori domestici."

- Armando Cossutta esprime invece: "Tutto il disprezzo per Berlusconi che
volendo dedicarsi a dei lavori domestici che esulano dalla sfera delle sue
competenze, oltre a causare le dimissioni del Santo Padre ha fatto
aumentare il tasso di disoccupazione portando via il lavoro ad un operaio."

- Bossi è raggiante perché secondo lui: "Il Cavaliere si è schierato con la
Lega nella lotta per l'indipendenza della Padania. E il gesto di riuscire
nell'intento di cacciare un extracomunitario ne è la prova lampante!"

E' comunque prevista in giornata una conferenza stampa a Palazzo Chigi
nella quale -secondo indiscrezioni- l'onorevole Berlusconi comunichera' agli
italiani la propria volonta' di superare l'accaduto e prendersi in carico
il compito di riportare il paese ad un clima di pace sociale andando a
ricoprire AD INTERIM il ruolo di Pontefice.
(e per prevenire dissensi nel mondo romano-cristiano la residenza del Santo
Padre non si sposterà ad Arcore prima di due anni)