PRIMATI AL FEMMINILE

 

 

 

 

 

Sorprendentemente, a causa delle pressioni ricevute da gruppi di femministe, la Guinness è stata obbligata a pubblicare una versione esclusivamente femminile del libro dei Primati. Di seguito trovate alcuni estratti dall'edizione del 2002:

 

 

 

PARCHEGGIO:

 Il più piccolo spazio lungo il marciapiede nel quale una donna sia riuscita

 a parcheggiare in retromarcia è di 19.36 metri, equivalente a tre spazi

di parcheggio standard. Record stabilito dalla sig.a Elisabetta Settimi

alla guida di una Fiat Panda 750 non modificata il giorno 12 ottobre 1993. La

 donna ha iniziato la manovra alle 11:15 a Pontecagnano di Sotto ed ha

 parcheggiato con successo a 92 centimetri dal marciapiede 8 ore e 14

 minuti più tardi. I giudici hanno registrato delle ammaccature sui paraurti

 frontale e posteriore e su quelli delle due macchine vicine, così come

la vetrina di un negozio infranta e due pali della luce divelti.

 

 CONFUSIONE DA FILM

 Il tempo più lungo in cui una donna ha guardato un film col marito senza

 chiedere qualche domanda stupida sulla trama fu registrato il 28 di

 ottobre del 1997, quando la sig.a Bruna Capuozzo si è seduta con il marito per

 vedere "La Cruna dell'Ago". Ha visto il film in silenzio per ben 2

minuti e 40 secondi prima di chiedere: "E' il buono o il cattivo quello con gli

 occhiali?". Con questo tempo ha infranto il suo precedente record

 stabilito nel 1982 quando sedette in silenzio per 2 minuti e 38 secondi durante la proiezione de "Il

 Giorno più Lungo" prima di chiedere: "E' un film di guerra, vero?".

 

 GUIDA IMPROPRIA

 Il più lungo tragitto in automobile compiuto con il freno a mano tirato

è stato quello di 414 km da Frosinone a Pisa dalla Dott.ssa Chiara Montero

 al volante della sua Saab 900 il 2 aprile del 1987. La Dott.ssa Montero

 annusò con certezza del fumo all'altezza di Cassino ma proseguì spedita fino a

 Pisa con le ruote posteriori fumanti. Questo tragitto detiene anche il record

 del viaggio più lungo con l'aria tirata e con l'indicatore di direzione destro lampeggiante.

 

 MASSACRO ALL'APERTURA DEI SALDI

 Il più alto numero di donne perite durante l'apertura dei saldi presso

un grande magazzino è di 98. E' accaduto nella città di Modena il 12

febbraio 1991. All'apertura delle saracinesche alle ore 9:30 la folla scatenata

 all'ingresso ha travolto e ucciso 16 donne e altre 25 sono morte

 all'arrivo ai primi scaffali. Una rissa iniziata tra 7 donne per un tailleur blu ha visto l'escalation in una

lotta all'ultimo colpo in cui hanno perso la  vita altre 18 donne. L'incasso della giornata è stato devoluto

in favore dei parenti delle vittime.

 

 PETTEGOLEZZO

 Il 18 febbraio del 1992, Enrica Bianchini, amica intima di tale Luisa

 Ciccotti si presentò a casa di quest'ultima per una visita di cortesia

nel corso della quale la sig.a Ciccotti le rivelò, in stretta confidenza,

che stava avendo una relazione extra-coniugale con il macellaio. Dopo che la

 signora Bianchini aveva lasciato la casa dell'amica alle ore 14:10

 incominciò a raccontarlo a tutti, facendosi giurare di mantenere il

 segreto. Alle 14:30 già 128 persone conoscevano i fatti. Per le 14:50 il numero

era salito a 372 e per le 16:00 del pomeriggio stesso 2.774 persone erano a

 conoscenza di tutti i particolari, compreso l'intero Centro Anziani, un

 paio di circoli ricreativi, alcuni turisti americani e la moglie del macellaio.

 Quando la sig.a Bianchini andò a letto alle ore 23:55 quella notte la

 relazione della sig.a Ciccotti era a conoscenza di ben 75.338 persone,

 abbastanza da riempire lo Stadio Olimpico.

 

 GITA DI GRUPPO ALLA TOILETTE

 Il record per il maggior numero di donne ad entrare in una toilette

 simultaneamente è detenuto dalle impiegate di un Ministero. Durante la

 festa per gli auguri di Natale la sig.a Annibaldi entrò nella toilette seguita

 da 146 colleghe. Muovendosi come una massa unica, il gruppo entrò nella

 toilette alle 9:52 per poi uscirne, dopo che tutte avevano finito i loro

 bisogni, ben 2 ore e 37 minuti dopo.

 

 FRASE PRONUNCIATA CON UN UNICO RESPIRO

 Una giovane donna è stata la prima a superare la barriera dei 30 minuti

di parlato senza mai prendere il respiro. La sig.na Santucci, 25 anni, di

 Rieti ha infranto il precedente record di 23 minuti mentre entusiasticamente

 raccontava della sua vacanza in Olanda agli amici.  Ha raccontato i suoi

 aneddoti per uno strabiliante tempo di 32 minuti e 12 secondi senza mai

 prendere fiato prima di diventare blu e collassare per terra in preda

agli spasmi. E' stata trasportata al locale pronto soccorso per poi essere

 dimessa dopo un breve controllo. Nel momento di massima loquacità

 raggiunse l'incredibile picco di 680 parole al minuto, riuscendo a ripetere gli

 stessi aneddoti per ben 114 volte mentre i suoi amici continuavano inebetiti ad

 annuire. L'ultima parte del racconto è stata espressa da una flebile

voce mentre gli ultimi due minuti sono stati solo di movimenti labiali

 accompagnati da un gesticolare vigoroso.