4 Luglio 2003 ore 21.30

CHIOSTRO DI TORRI (Siena)

CONCERTO DEL MAESTRO DAMIANO

 

 

 

 

 

Franz Schubert sonatina per violino e pianoforte op.37 n1 in re maggiore (D 384)

Allegro molto

Andante

Allegro vivace

 

 

 

 

 

Isaac Albeniz

Corpus Christi en Seville

 

 

 

 

 

 

Robert Schumann

Fantasiestücke, op. 73  per fagotto e pianoforte

Zart und mit Ausdruck

Lebhaft,leicht

  Rasch und mit Feuer

 

 

 

 

 

 

Francis Poulenc

Trio per violino fagotto e pianoforte

 

 

 

 

 

 

I MUSICISTI

 

 

Guy Braunstein - violino

 

Nato nel 1971 in Israele ha iniziato a studiare violino a 7 anni. Tra i suoi insegnanti si ricordano C. Taub, G. Dicterow e P. Zuckermann.  Braunstein ha negli ultimi anni suonato con alcune tra le più rinomate orchestre del panorama internazionale tra le quali  l’Israel Philharmonic, l’Orchestra della Radio di Francoforte, la Filarmonica di Berlino e molte altre.

Come solista ed in gruppi di musica da camera ha collaborato con musicisti quali Zubin Metha, Maurizio Pollini, Isaac Stern, Sir Simon Rattle  ed altri.

Dal 2000 detiene la posizione di primo Konzertmeister della Berliner Philharmoniker Orchester. Nel 2003 Braunstein è diventato docente all’Università der Kunste di Berlino.

 

Daniele Damiano - fagotto

 

Nato ad Asti nel 1961, Daniele Damiano si è diplomato sotto la guida di Vincenzo Menghini al Conservatorio di Torino. Nel 1981 ha fatto parte dell'Orchestra Mondiale "Jeunesses Musicales" e, nello stesso anno, si è aggiudicato il primo premio ai Concorsi di Stresa e di Manta. Dal 1982 al 1987 è stato primo fagotto nell'Orchestra della Rai di Torino, poi nei Wiener Symphoniker e attualmente nei Berliner Philharmoniker, perfezionandosi nel biennio viennese con Milan Turkovic.
Solista con tutte le orchestre sopra menzionate, così come con diversi complessi sinfonici d'Europa, Damiano suona con gruppi da camera della Filarmonica di Berlino quali l'Ottetto di fiati, i "Philharmonische Solisten" e lo "Haydn Ensemble Berlin", e collabora con molti solisti in Europa e oltreoceano. Nel 1993, insieme a Daniel Barenboim e altri musicisti della Chicago Symphony Orchestra, ha eseguito i quintetti con pianoforte di Mozart e Beethoven. La registrazione del concerto ha ottenuto il premio "Grammy" come migliore esecuzione cameristica nel 1994.
Impegnato anche come didatta, Damiano ha insegnato al Mozarteum di Salisburgo, e ha tenuto corsi di perfezionamento in svariate città europee, in Giappone e in Australia. Dal 1993 al 1997 è stato docente all'Accademia Chigiana di Siena e dal 1999 è professore al Conservatorio di Ginevra. Presente al Festival nel 2000 2001.

 

 

Kim Barbier - pianoforte

 

Kim Barbier ha studiato al Conservatoire National Superieur de Paris con L. Cabasso, ha ottenuto il primo premio per pianoforte e musica da camera nel 2000. Ha poi suonato per G. Kurtag, F. Rados, E. Ax ed altri, attualmente lavora con Maria Curcio.

Ha suonato recital a Parigi (invalides, Cité de la musique etc.) ed in molti festival in Francia con ad esempio l’Israel Sinfonietta Orchestra e la Potsdam Kammerorchester. In gruppi di musica da camera ha collaborato con membri della Filarmonica di Berlino a Lansberg-am-Lech, al Festival of Insel Hombroich ed a vari festival in Francia.

 

Foto del concerto

 

 

 

Precederà il concerto alle ore 19.00 un ricevimento organizzato dalla zoccola a Borgolozzi.it, con visita guidata della nuova residenza del Maestro Damiano.

Foto del ricevimento

 

 

 

Abbazia di San Mustiola

Fondazione e Consacrazione: I primi accenni documentari risalgono al 1069; la parte inferiore del chiostro è del 1189.

Arte e Architettura: Il chiostro dell'abbazia di Torri, presenta tre ordini di logge sovrapposte; la più antica è quella inferiore, risalente alla fine del XII secolo; quella mediana, in laterizio, è del XIII-XIV secolo; infine quella superiore, con colonne e capitelli lignei, è del XIV secolo. Il colonnato inferiore del chiostro presenta una dicromia negli archi data da blocchi di travertino bianco, alternati a conci neri in albarese; tale dicromia è presente anche nel colonnato, con le colonne bianche e le basi ed i capitelli neri. Il portico si sviluppa su una serie di colonne circolari ed ottagonali su capitelli con pulvino. Mentre i capitelli sono scolpiti a motivi fitomorfi, i pulvini presentano alcune scene a bassorilievo tratte dall'antico testamento (il Peccato Originale; Caino ed Abele) e dal bestiario medievale (la Sirena).