LUCERNA

17 20 Agosto 2004

 

Symphony Concert 1/2

Orchestra-in-Residence, Artiste Étoile
 

108

18.19. 08.2004 - 19:30

 

 

 

     

LUCERNE FESTIVAL ORCHESTRA

CLAUDIO ABBADO Conductor

MAURIZIO POLLINI  Piano

 

 

 

Ludwig van Beethoven

Piano Concerto No. 4 in G Major

Op. 58

 

Gustav Mahler

Symphony No. 5 (1901–03)

 

 

FOTO

 

 

 

Lucerne Festival orchestra
Organico

Violinen
1. Violinen
Kolja Blacher
Antonello Manacorda
Mahler Chamber Orchestra
Sebastian Breuninger
1. Konzertmeister Gewandhausorchester Leipzig
Markus Däunert
Mahler Chamber Orchestra
Stefan Arzberger Gewandhausorchester Leipzig
Serguei Galaktionov
Mahler Chamber Orchestra
Lukas Hagen,
Hagen-Quartett
Iris Juda
Kammermusikerin, Chamber Orchestra of Europe
Stefano Pagliani,
Orchestra del Teatro alla Scala
Domenico Pierini
Konzertmeister Maggio Musicale Fiorentino Orchestra
Naoko Ogihara
Mahler Chamber Orchestra
Henja Semmler
Mahler Chamber Orchestra
Isabelle Briner
Mahler Chamber Orchestra
Annette zu Castell
Mahler Chamber Orchestra
May Kunstovny
Mahler Chamber Orchestra
Daniel Möller
Mahler Chamber Orchestra
Brigitte Lang
stellv. Konzertmeisterin NDR-Sinfonieorchester Hamburg
Hans Liviabella
Orchestra delle Svizzera Italiana
Evelina Antcheva
Praktikantin bei der NDR Radiophilharmonie Hannover
Peter Clemente
Kammermusiker, Clemente Trio
 


 

2. Violinen
 

Gerhard Schulz
Alban Berg Quartett
Hanns-Joachim Westphal
Berliner Philharmoniker, Primarius des Westphal-Streichquartetts
Rainer Schmidt Hagen-Quartett
Johannes Lörstad
Mahler Chamber Orchestra
Cottrell Heather
Mahler Chamber Orchestra
Etienne Abelin
Musikakademie Basel
Monika Baer
Konzertmeisterin Kammerorchester Basel
Geoffroy Schied
Mahler Chamber Orchestra
Mette Tjaerby
Mahler Chamber Orchestra
Kirsty Hilton
Mahler Chamber Orchestra
Quinten de Roos
Mahler Chamber Orchestra
Helena Winkelman
Kammermusikerin, Komponistin
Paulien Holthuis
Mahler Chamber Orchestra
Alexander Kagan
Kammermusik
Cindy Albracht
Mahler Chamber Orchestra
Maria Kagan
Kammermusikerin
Alexander Kagan
Kammermusiker
Riikka Sundquist
Mahler Chamber Orchestra
Michiel Commandeur
Mahler Chamber Orchestra
 


 

Viola
 

Wolfram Christ
Musikhochschule Freiburg
Tanja Christ
ehem. Berliner Philharmoniker
Diemut Poppen
Kammermusiker, Musikhochschule Saarbrücken
Béatrice Muthelet
Mahler Chamber Orchestra
Sylvia Hagen
Kammermusikerin
Veronika Hagen
Kammermusikerin
Jörg Winkler
Mahler Chamber Orchestra
Yannick Dondelinger
Mahler Chamber Orchestra
Stefano Marcocchi
Mahler Chamber Orchestra
Dirk Niewöhner
Münchner Philharmoniker
Barbara Holicka
Mahler Chamber Orchestra
Susanne Lerche
Mahler Chamber Orchestra
Massimo Piva
Orchestra Filarmonica della Scala
Henrik Schaefer
ehem.Berliner Philharmoniker
Simone Jandl
Studentin Musikhochschule Freiburg
Delphine Tissot
Mahler Chamber Orchestra
Hannah Franke
Studentin Musikhochschule Freiburg
 

Cello
 

Franz Bartolomey, Solocellist Wiener Philharmoniker
Natalia Gutman
Clemens Hagen
Hagen-Quartett, Solist
Valentin Erben, 
Alban Berg Quartett
Sissy Schmidhuber
Mahler Chamber Orchestra
Enrico Bronzi
Trio di Parma, Gewinner des Paulo Cello Wettbewerbes in Helsinki
Thomas Ruge
Münchner Philharmoniker
Claudia Benker
Deutsches Symphonie-Orchester Berlin
Konstantin Pfiz
Mahler Chamber Orchestra
Benoit Grenet
ehemaliges Mitglied im Gustav Mahler Jugendorchester
Stefan Faludi
Mahler Chamber Orchestra
Rafael Rosenfeld
Kammermusiker
Liliane Schulz-Bayrova, Solistin, Konservatorium der Stadt Wien
Kammermusiker
Philipp v. Steinaecker
Mahler Chamber Orchestra
 

Kontrabass
 

Alois Posch
Wiener Philharmoniker, Wiener Musikuniversität
Christine Felsch
Deutsches Symphonie-Orchester Berlin
Slawomir Grenda
Solobassist Münchner Philharmoniker
Tobias Lampelzammer Gewandhausorchester Leipzig
Georg Kekeisen
Solobassist Bamberger Symphoniker
Frank Sanderell
Solobassist Tonhalle Orchester Zürich
Christian Geldsetzer
Mahler Chamber Orchestra
Tino Steffen
Mahler Chamber Orchestra
Amerigo Bernardi
Mahler Chamber Orchestra
Roberto di Ronza,
Stellv. Solobassist Münchner Symphoniker
Renger Woelderink,
Mahler Chamber Orchestra
Andreas Wylezol
1. Solokontrabassist Sächsische Staatskapelle Dresden
 

 

Flöte
 

Jacques Zoon, Conservatoire de Genève, Ex-Soloflötist Royal Concertgebouw Orchestra, Boston Symphony Orchestrra, Chamber Orchestra of Europe, Solist
Ulrich Biersack,
Pic. Münchner Philharmoniker
Julia Gallego
Mahler Chamber Orchestra
Chiara Tonelli
Mahler Chamber Orchestra
 

Oboe
 

Albrecht Mayer
Solooboe Berliner Philharmoniker, Ensemble Sabine Meyer
Diethelm Jonas
Musikhochschule für Musik Lübeck, Ensemble Sabine Meyer
Emma Schied(Englhorn)
Mahler Chamber Orchestra
Mizuho Yoshii
Mahler Chamber Orchestra
 

Klarinette
 

Sabine Meyer
Prof Sabine Meyer, Musikhochschule Lübeck, Ensemble Sabine Meyer
Reiner Wehle
Prof. Reiner Wehle, Musikhochschule Lübeck, Ensemble Sabine Meyer
Jaan Bossier. Basskl.
Mahler Chamber Orchestra
Matthew Hunt
Mahler Chamber Orchestra
Manfred Preis
Berliner Philharmoniker
 

 
 
Fagott
 
Dag Jensen
Hochschule für Musik und Theater Hannover, Ensemble Sabine Meyer
Stefan Schweigert
Berliner Philharmoniker, Ensemble Sabine Meyer
Klaus Lohrer, Kontra Gürzenichorchester Köln, Ensemble Sabine Meyer
Oleksiy Tkaschuk
Mahler Chamber Orchestra
Anatolyi Mosyuk
Mahler Chamber Orchestra
 

Horn
 

Stefan Dohr
Solohornist Berliner Philharmoniker
Ivo Gass
Münchner Philharmoniker
Niklaus Frisch
Orchester der Oper Zürich, Ensemble Sabine Meyer
Bruno Schneider
Hochschule für Musik Freiburg i.Br. und Conservatoire de Musique de Genéve, Ensemble Sabine Meyer
Jonathan Williams
Chamber Orchestra of Europe, Orchestra Citta Aperta, Italien
Olivier Alvarez
Berner Symphonie-Orchester
Andrea Siri
Opernhaus Zürich
Paulo Munoz-Toledo
Tonhalle-Orchester Zürich
Karl Fässler
Tonhalle-Orchester Zürich
Gianfranco Dini
Mahler Chamber Orchestra
Hasko Kröger
Mahler Chamber Orchestra
 

Trompete
 

Reinhold Friedrich
Staatliche Hochschule für Musik Karlsruhe
Martin Baeza
Solotrompete
Orchester der Deutschen Oper Berlin
Thomas Kiechle Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks
Felix Wilde
Staatskapelle Berlin
 

Posaune
 

Mark Templeton
Mahler Chamber Orchestra
Juan Manuel Real Perez
Orquestra de Valencia
Mark Hampson
Mahler Chamber Orchestra
 

Tuba
 

Robin Haggart
Royal Liverpool Philharmonic
 

Pauke
 

Raymond Curfs
Mahler Chamber Orchestra
Pieter Royen
The Arnhem Philharmonic Orchestra

Schlagzeug
 

Raymond Curfs
Mahler Chamber Orchestra
Marc Haeldermans
Radio Symphonie Orchester Hilversum
Gianluca Saveri
Mahler Chamber Orchestra
Dirk Wucherpfennig
Mahler Chamber Orchestra
Hans Zonderop
Mahler Chamber Orchestra
 

Celesta
 

Kyoko Nojima
Mahler Chamber Orchestra
 

Harfe
 

Julie Palloc
Mahler Chamber Orchestra
Naoko Yoshino
Solistin und Kammermusikerin
Marie-Pierre Langlamet
Berliner Philharmoniker
 


 

 

 

 

Abbado e Pollini insieme Il trionfo di un' amicizia
 

Una serata memorabile a Lucerna con Beethoven «Grande sintonia anche se la vita ci tiene lontani» Il pianista: «Tengo qui un master con sei giovani talenti per aiutare la musica contemporanea» Il direttore: «Questo festival dedicato al tema della Libertà, parola-chiave spesso abusata»

Manin Giuseppina
 

DAL NOSTRO INVIATO LUCERNA - La promessa di Claudio Abbado, «Lucerna come luogo per far musica tra amici», ha ora una conferma in più. L' anno scorso qui è stata festa per la nascita di una nuova super-orchestra creata dal direttore raccogliendo attorno alla «sua» Mahler Chamber alcuni strumentisti prediletti dei Berliner, dei Wiener, dei Munchner Philharmoniker. Più una manciata di strabilianti prime parti, da Sabine Meyer a Natalia Gutman, da Wolfram Christ a Georg Faust a Kolja Blaker al Quartetto Hagen e - novità 2004 - alcuni elementi del Quartetto Berg. Quest' anno, solista d' eccezione, è arrivato Maurizio Pollini, da oltre mezzo secolo grande amico di Abbado. Un sodalizio inscalfibile, nell' ambiente una rarità. «A unirci non è solo la musica - spiega il maestro -. Con Maurizio i legami sono tanti: un grandissimo rispetto reciproco, stessa concezione della cultura, stesso senso morale. E il gusto della ricerca, l' inquietudine di chi non si accontenta mai». Prova ne è il Quarto Concerto per pianoforte di Beethoven che ieri sera ha visto i due protagonisti di una serata destinata a entrare tra le gemme del Festival. Caposaldo della letteratura pianistica, il Quarto è stato frequentato mille volte da Pollini e Abbado insieme. Ma ieri, per strane alchimie affettivo-musicali da loro innescate, è riuscito a lasciare senza fiato il pubblico arrivato qui da tutto il mondo. «La sintonia tra noi è tale che durante le prove abbiamo avuto le stesse intuizioni senza neanche bisogno di spiegarci», racconta Abbado. Eppure vita e impegni tengono spesso lontani i due amici. «Quando c' è questo tipo di intesa poco conta - ribadisce. Per me è così con Maurizio, è stato così con Tarkovski, con Crepax, con Serkin. Ci vedevamo ogni tanto, ma era sempre come se ci fossimo lasciati il giorno prima». Ieri la gioia dell' incontro è stata coronata dall' accoglienza trionfale della sala. Applausi inarrestabili anche al termine della seconda parte, per l' esecuzione di straordinaria trasparenza e intensità della Quinta di Mahler, che ha confermato le eccelse qualità della nuova Orchestra, facendo tributare al maestro una standing ovation. Star del Festival 2004, Pollini sarà di scena altre due volte, il 13 settembre con Chopin e Debussy, il 17 diretto da Boulez, con Schoenberg e Harrison Birtwistle, il compositore britannico contemporaneo cui il Festival rende omaggio. Dal 21 al 28 agosto, il pianista terrà una master class per sei giovani talenti internazionali (due italiani, Mario Francini e Alberto Nosè) sul repertorio del XX e XXI secolo, dalla Scuola di Vienna a Boulez e Stockhausen. «Ho accettato perché la musica contemporanea è poco eseguita e sostenuta - spiega Pollini -. La relativa mancanza di entusiasmo del pubblico e ancor più delle istituzioni culturali fa sì che continui a essere trascurata. All' epoca di Beethoven, le sue composizioni erano regolarmente eseguite. Oggi invece, per la prima volta nella storia, non si ascolta più la musica del momento ma quella di 200 anni prima». Il fatto è, spiega, che «nell' ultimo secolo il linguaggio musicale ha avuto un' evoluzione così rapida da spiazzare le abitudini del gusto. Se non vogliamo che resti un patrimonio per pochi, bisogna creare nuove occasioni d' approccio». Ad affiancare il lavoro di Pollini lo stesso Boulez, direttore artistico della nuova Accademia del Festival, nata per avvicinare al repertorio contemporaneo i giovani musicisti. A far da cornice a tante iniziative rivolte al futuro, il Festival 2004 ha scelto come tema una parola urgente e difficile come «Libertà». «Parola purtroppo abusata - commenta amaro Abbado -. Nel suo nome si compiono delitti e misfatti, la si usa quando fa comodo per far prevalere le ragioni del più forte. Così è stato in Terra Santa durante le Crociate, così per gli Inca e i Maya. E oggi, sempre nel suo nome, avviene la stessa cosa in Iraq. Dove una civiltà "superiore" va a "liberare" qualcuno che non lo chiede, e lo fa con assoluta prepotenza e ignoranza delle ragioni e della cultura dell' altro». Ma la musica può farsi davvero portatrice di libertà e di pace? «Ne sono convinto. L' esempio di Barenboim che va a dirigere in Israele un' orchestra composta da palestinesi e israeliani dimostra che la musica può varcare confini apparentemente inaccessibili e aprire strade inattese». Giuseppina Manin Un sodalizio che dura da 50 anni Qui accanto, il pianista Maurizio Pollini; a destra, il direttore Claudio Abbado